QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
BIBBIENA
Oggi 23°32° 
Domani 22°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
martedì 26 luglio 2016

Attualità mercoledì 20 gennaio 2016 ore 14:37

Un villaggio ecologico in Vallesanta

Un villaggio ecologico sarà presto realizzato in Vallesanta. Il sindaco Tellini: “Importante l’insediamento di giovani famiglie in zone montane”

CHIUSI DELLA VERNA — La Regione Toscana ha reso disponibili le risorse necessarie per consentire la realizzazione di un programma di misure sperimentali di edilizia residenziale pubblica, per un valore complessivo degli interventi pari a quasi 15 milioni di euro. Si tratta di interventi relativi ad alloggi realizzati con caratteristiche di sostenibilità ambientale e che favoriscano le relazioni umane e sociali. In questo ambito, 3,6 milioni di euro saranno utilizzabili per la realizzazione di 82 alloggi in autocostruzione o autorecupero in 5 comuni della Toscana, fra i quali il Comune di Chiusi della Verna. 

Qui giungerà un contributo di 180.000 euro per la realizzazione di un villaggio ecologico in Vallesanta. Come ha spiegato il Sindaco Giampaolo Tellini, “Si tratta di un intervento innovativo e di grande significato sociale, perché permette la costruzione di alloggi ecosostenibili, destinati a famiglie giovani, che si stabiliranno in Vallesanta, una delle zone montane a vocazione rurale per eccellenza del nostro comune e del territorio casentinese”. La zona di cui si parla è compresa infatti fra le frazioni di Corezzo e Rimbocchi. “E’ un segnale importantissimo contro lo spopolamento delle campagne”, aggiunge Tellini, “In un comune che ha scelto di potenziare i servizi scolastici proprio in certi ambienti, che ha realizzato un centro espositivo a Corezzo anche per promuovere l’agroalimentare e il biologico, scommettendo laddove tutti ci dicevano che avremmo perso, e cioè sulla qualità della vita. Per me questa è una grande soddisfazione, siamo il comune col territorio più esteso del Casentino, abbiamo frazioni ed abitanti difficili da raggiungere coi servizi; ma vogliamo, con la nostra specificità, continuare a dare la stessa attenzione a tutti, dalle industrie del fondovalle che sono in contatto col mondo intero fino all’ultimo pensionato che resiste nel casolare più remoto. Questa delibera della Regione ci dà atto di un grande sforzo che abbiamo fatto in piena controtendenza”.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità