QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
BIBBIENA
Oggi 10°23° 
Domani 26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
lunedì 26 settembre 2016

Cronaca giovedì 25 febbraio 2016 ore 09:10

Agostini vs dipendenti Unione, ecco la sentenza

Vittoria in sede giudiziale per sei dipendenti dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino minacciati di licenziamento da parte dell'ex presidente

POPPI — Vittoria in sede giudiziale per sei dipendenti dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino minacciati di licenziamento da parte di Paolo Agostini durante la sua presidenza.

Il Tribunale di Arezzo ha riassunto in un’ordinanza tutta una serie di provvedimenti a carico di Agostini che presentò un piano di licenziamenti delle figure dirigenziali, piano che fu respinto dagli altri sindaci dell’Unione dando origine alla querelle sulle dimissioni o sfiducia, altro caso di cui si sta occupando sempre il Tribunale.

I sei dipendenti in questione, tutti figure dirigenziali e funzionari dell’Unione dei Comuni del Casentino (si tratta di Paolo Grifagni, Roberto Brami, Daniela Nocentini, Siria Ceccarelli, Pier Silvio Ciabatti e anche il sindaco di Poppi Carlo Toni), hanno ottenuto in giudizio la difesa delle loro ragioni.

Il giudice Marco Cecchi ha riconosciuto come “fondate” le istanze dei ricorrenti, e constatando nella sua ordinanza “Il contenuto ingiustificatamente denigratorio” dei commenti pubblicati sul web, ha disposto che Paolo Agostini cessi e rimuova immediatamente “Tutte le pubblicazioni a contenuto ingiurioso e diffamatorio sulla piattaforma Facebook o su altri social network, in particolare con riferimento ai post di cui alla documentazione in atti” (ossia le pesanti accuse pubblicate più volte nei giorni “caldi” dell’estate scorsa ed allegate nella causa intentata dai dipendenti lo scorso 4 novembre); inoltre ha stabilito che per ogni giorno di ritardo il Sindaco di Castel San Niccolò dovrà versare ad ognuno dei dipendenti una somma di 500 euro a titolo di risarcimento. Non è ancora tutto: il provvedimento del magistrato autorizza i ricorrenti anche ad eseguire il sequestro conservativo sui beni mobili, immobili e crediti di Agostini fino all’importo di 110.000 euro, condannando infine Agostini al pagamento delle spese legali.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Cronaca