QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
BIBBIENA
Oggi 16°26° 
Domani 17°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
venerdì 26 agosto 2016

Attualità giovedì 04 febbraio 2016 ore 11:37

Fusioni, Toni chiama a raccolta gli ex sindaci

Con un lungo post su facebook il sindaco analizza la situazione politica casentinese e annuncia un incontro con gli ex sindaci del comune

POPPI — "Da oggi il Comune di Poppi inizia questo percorso con l’apposizione della prima pietra: si compirà nei prossimi giorni il primo passo storico per il comune di Poppi iniziando con un incontro tra il sindaco Toni, il vice sindaco Pancini, il capogruppo di maggioranza Acciai e il capogruppo di minoranza Lettig in rappresentanza del consiglio comunale con gli ex sindaci dal 1980 Pierluigi Budroni, Sandro Sassoli, Franco Fani, Carlo Cipriani, Graziano Agostini che hanno governato Poppi prima di me e di noi, sicuramente per l’opera profusa, l’impegno e la serietà profondamente legati al comune, ne conoscono le peculiarietà." 

A scrivere è il sindaco Carlo Toni che sulla pagina facebook del Comune di Poppi prende posizione sul tema delle fusioni tra comuni che sta facendo fibrillare il mondo politico casentinese.

Toni affida ad un lungo post il suo pensiero sul tema delle fusioni chiarendo che il suo comune è aperto a soluzioni di questo tipo ma non in tempi rapidi. Per il primo cittadino tutto il percorso non può far a meno di che basarsi su un'attenta valutazione dei bilanci dei comuni esistenti e delle loro peculiarità economiche e comunitarie.

"Il percorso - scrive - dovrà avere i tempi necessari, niente accelerazioni o fughe in avanti avventate. Conoscere le rispettive realtà, i bilanci, l’evoluzione della spesa corrente fortemente legate al dimensionamento del territorio e alla densità abitativa, la programmazione degli investimenti, i servizi erogati, le sedi e la localizzazione degli uffici, le modalità di ottimizzazione e organizzazione definite PRIMA (onde evitare problematiche successive) su un progetto condiviso che tenga conto e soprattutto spiegate ai cittadini in modo chiaro e trasparente, vantaggi e svantaggi compresi.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità