QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
BIBBIENA
Oggi 13°13° 
Domani 20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
venerdì 20 ottobre 2017

Attualità giovedì 20 aprile 2017 ore 18:00

A tu per tu con Giove

Il pianeta più grande del sistema solare. Venerdi, dalle 21, al Planetario del Parco nazionale di Stia

PRATOVECCHIO - STIA — Il Planetario del parco nazionale delle Foreste casentinesi, con sede a Stia, dedicherà al gigante del sistema solare la serata di venerdì, a partire dalle 21. Sarà una sorta di “notte gioviana”.

Dopo una breve introduzione su Giove e sulle sue caratteristiche visibile con piccoli strumenti amatoriali si passerà alla visione telescopica del pianeta e delle sue lune.

Giove è un pianeta gassoso composto essenzialmente da idrogeno ed elio, gas che in profondità si trovano allo stato liquido per effetto della enorme pressione esercitata dagli strati sovrastanti. Emette nello spazio interplanetario più energia di quanta non ne riceva dal Sole. Ciò significa che l'enorme pressione a cui sono sottoposti i gas al suo interno produce calore. Analogamente a quanto avviene in qualsiasi fluido, il calore prodotto all’interno del pianeta riscalda grandi masse di gas che tendono a salire verso l’alto, mentre quelle più fredde sono predisposte a scendere verso l’interno del pianeta.

Questo determina sulla “superficie” esterna del pianeta un susseguirsi di spettacolari formazioni, la più famosa delle quali è la “grande macchia rossa”.
Giove presenta inoltre una lunga corte di satelliti, ben 27, e un flebile anello di materiali proveniente dal satellite “Io”.

Tra i satelliti di Giove spiccano i quattro “galileiani” (Io, Europa, Ganimede e Callisto), osservati per la prima volta dallo scienziato pisano nell’inverno del 1610. Sono prova inconfutabile della validità della teoria eliocentrica del sistema solare (il sole al centro, i pianeti che ruotano attorno alla nostra stella), proposta da Copernico nel 1543, contraria a quella geocentrica, pubblicata nel II° secolo dopo cristo dal Tolomeo.

Durante la serata osservativa gli astronomi condurranno alla ricerca della cometa 41P/Tuttle - Giacobini - Kresak, passata al perielio il 12 aprile e visibile all’orizzonte NE nella costellazione di Ercole (quindi per tutta la notte).

Lunedi 24 riprenderanno gli appuntamenti rivolti ai bambini de "Il Planetario dei piccoli" con l'iniziativa "Quante storie tra le stelle... le costellazioni". Il programma, dalle 16 alle 19 prevede momenti di letture, laboratori e attività di osservazione sotto la cupola del Planetario. Al termine sarà offerta ai bambini una merenda a km 0.

"Proseguono incessantemente le iniziative che contestualizzano in uno spazio di meraviglia verso il creato il continuum tra foreste incontaminate e immensità siderali. L'area protetta è un esperienza di bellezza e fascinazione senza pari, a disposizione delle persone che la abitano e del numero sempre maggiore di turisti che la frequentano". Luca Santini, presidente del Parco.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità