Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:05 METEO:BIBBIENA11°26°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
sabato 21 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Azovstal, il ministero della Difesa russo rilascia il video della resa degli ultimi soldati

Attualità martedì 23 novembre 2021 ore 20:40

Sanità, è ufficiale: tornano le 3 zone distretto

Ecco la composizione geografica per Arezzo, Casentino e Valtiberina. Ok definitivo dal Consiglio regionale. Soddisfazione di Ceccarelli e De Robertis



AREZZO-CASENTINO-VALTIBERINA — Adesso è ufficiale. Arezzo, Casentino e Valtiberina tornano ad avere una loro zona-distretto, ossia l’unità organizzativa che si occupa della programmazione e dell’erogazione dei servizi sociosanitari nel territorio. 

Il disco verde è arrivato dal Consiglio regionale che nella seduta di oggi ha approvato il ritorno alle tre zone-distretto che sostituiscono il Distretto unico creato nel 2017. Si conclude così l’iter iniziato a gennaio di quest’anno con l’approvazione unanime della mozione presentata dal Pd a firma di Vincenzo Ceccarelli e Lucia De Robertis in cui si impegnava la Giunta regionale a “valutare una revisione della dimensione delle zone-distretto, con particolare riferimento alle zone disagiate, rurali e montane, al fine di perseguire gli obiettivi di un potenziamento complessivo della sanità di iniziativa territoriale e di una migliore capacità di programmazione e gestione dei servizi socio-sanitari in tali ambiti, anche in considerazione dei nuovi bisogni di salute emersi con l’epidemia Covid-19”.

La delibera approvata dal Consiglio regionale riguarda specificamente la sola zona aretina e arriva dopo il parere favorevole della Conferenza regionale dei sindaci, e l’approvazione dell’atto da parte della Giunta regionale e della Commissione Sanità.

"Una promessa mantenuta – commenta il Capogruppo Pd e membro della Commissione sanità, Vincenzo Ceccarelli – Era un impegno che avevamo preso con il territorio, raccogliendo lo stimolo degli amministratori locali, e con l’approvazione del Consiglio questo percorso arriva a compimento. Dall’inizio del prossimo anno i territori potranno iniziare a riorganizzare la programmazione e l’erogazione dei servizi socio sanitari".

Soddisfatta anche Lucia De Robertis, presidente della Commissione Ambiente e Territorio, che aggiunge: "con il ritorno definitivo alle tre zone si afferma un’organizzazione della sanità territoriale all’insegna di quella prossimità che la pandemia ci ha dimostrato essere assolutamente necessaria".

Ecco quindi la composizione geografica delle tre nuove zone-distretto:

- zona distretto “Aretina”, comprendente i Comuni di Arezzo, Capolona, Castiglion Fibocchi, Civitella in Val di Chiana, Monte San Savino, Subbiano;

- zona distretto “Casentino", comprendente i Comuni di Bibbiena, Castel Focognano, Castel San Niccolò, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Ortiggiano Raggiolo, Poppi, Pratovecchio Stia, Talla;

- zona distretto "Valtiberina", comprendente i Comuni di Anghiari, Badia Tedalda, Caprese Michelangelo, Monterchi, Pieve Santo Stefano, Sansepolcro, Sestino;


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le ricerche di Carabinieri e vigili del fuoco hanno portato a ritrovarle dopo un’ora e mezzo in buone condizioni e senza bisogno di cure
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca