Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:40 METEO:BIBBIENA10°24°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
mercoledì 22 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Giacomo Sartori, continuano le ricerche del 29enne scomparso: il video postato dalla famiglia su Fb

Attualità lunedì 18 settembre 2017 ore 15:23

Lotta alle discariche abusive, la ricetta di Cna

Franca Binazzi

L'associazione di categoria chiede di dare alle imprese la possibilità di conferire gratuitamente i rifiuti nelle isole ecologiche



AREZZO — “Siamo concreti – è l’invito della presidente di Cna Franca Binazzi - abbiamo appena siglato, Comune e categorie economiche, un protocollo d’intesa per arginare alcolismo e degrado sedendoci ad un tavolo di confronto. Apriamone un altro per porre rimedio alla prassi delle discariche abusive che degradano centri e periferie. Noi proponiamo l’apertura alle aziende delle isole ecologiche, oggi accessibili ai cittadini ma onerose e complicate se a conferire rifiuti assimilati a quelli urbani sono le imprese. Perché allora non riconoscere alle aziende le possibilità che ha il privato di portare gratuitamente il rifiuto all'isola ecologica?”.

"Attualmente - prosegue la nota di Cna-  l’iter che un’impresa è costretta a seguire per accedere ai Centri di Raccolta comporta ben 9 adempimenti" che vanno dall'iscrizione all'Albo nazionale dei gestori ambientali a una convenzione con Sei Toscana.

"Se poi si tratta di sfalci - aggiunge Cna- occorre dimostrare la provenienza del rifiuto".

“A ben guardare – osserva la presidente Binazzi -stiamo parlando di un sistema di regole che penalizza le aziende nella gestione e nello smaltimento dei rifiuti assimilati a quelli urbani. E’ mai possibile che, di fronte alla stessa Tv o allo stesso computer da rottamare, un cittadino possa disfarsene gratuitamente e senza oneri, anzi beneficiando di sconti sulla bolletta, mentre un artigiano sia costretto a passaggi burocratici che fanno perdere tempo e soldi?”.

Le casistiche di Cna registrano disagi in particolare tra mobilifici e serramentisti sollecitati puntualmente dalla clientela allo smaltimento dell’oggetto che viene sostituito.

“Allentando i vincoli burocratici e senza incidere sui costi aziendali – conclude Franca Binazzi - sarebbe comunque salvaguardata la tracciabilità dei rifiuti, come già accade oggi per i cittadini. A tutto vantaggio della raccolta differenziata e del miglioramento dell’impatto ambientale”. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Carabinieri allertati dalla struttura ricettiva che lo attendeva. Ha chiamato i genitori fornendo la propria posizione. Salvato dai militari
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Politica

Sport