Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:27 METEO:BIBBIENA16°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
mercoledì 03 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Fiorello corre tra le poltrone: la platea è vuota

Attualità domenica 18 ottobre 2020 ore 09:00

​Ladri in parrocchia, rubati soldi per il Perù

Nuovo furto nei locali della chiesa a Cesa. Trafugate le offerte raccolte per la missione nel Paese dell'America Latina. La rabbia dei residenti



MARCIANO DELLA CHIANA — Non si sono minimamente preoccupati della gravità del gesto che stavano per compiere. Non hanno pensato che quei soldi erano stati raccolti con sacrificio e impegno, in tanti mesi passati a sensibilizzare la gente sull’importanza di sostenere la missione parrocchiale in Perù, a favore di bambini e famiglie che non hanno da vivere. 

Ha prevalso l’egoismo, la cattiveria ed è stata calpestata la legge. Le immagini qui di seguito parlano chiaro e raccontano ciò che è accaduto nei locali della parrocchia di Cesa dove erano custodite le offerte destinate al Paese dell’America Latina. 

Tra l’altro, non è la prima volta che accade un episodio del genere ed anche per questo sale la rabbia, l’amarezza dei residenti nella piccola frazione del comune di Marciano della Chiana. 

In questo caso i ladri sapevano dove cercare, si spiega nel post sul profilo Facebook della Parrocchia di San Michele Arcangelo e Santa Lucia in Cesa. 

Come si vede dalle foto, i malviventi hanno danneggiato la porta e messo a soqquadro la stanza da dove hanno prelevato il denaro destinato alla missione parrocchiale in Perù. 

Sul raid in parrocchia stanno indagando i carabinieri e i parrocchiani si augurano che al più presto i ladri – o il ladro – vengano individuati e assicurati alla giustizia.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità