comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
BIBBIENA
Oggi 13° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
giovedì 02 aprile 2020
corriere tv
Coronavirus, Ludovico Einaudi suona per chi soffre a causa della pandemia: «State a casa»

Economia lunedì 26 giugno 2017 ore 15:29

Coldiretti lancia l'allarme siccità nell'aretino

Soffrono tutte le produzioni, a rischio cereali, ortaggi, frutta, gli olivi ed il lavoro di mesi degli agricoltori aretini



CASENTINO — Con il prolungarsi dell’assenza di pioggia l’allarme siccità si è ormai esteso ad oltre i 2/3 della superficie agricola nazionale interessando praticamente tutte le regioni anche se con diversa intensità. E’ quanto emerge dall’ultimo monitoraggio della Coldiretti dal quale compare che la situazione si sta aggravando con effetti catastrofici per la produzione con perdite ben superiori al miliardo stimato.

Nella provincia di Arezzo la produzione di cereali è crollata in maniera vertiginosa, soffrono gli ortaggi, i vigneti, i girasoli ed il granoinsieme alla frutta e all’uva in alcune zone della provinciaoltre agli olivi.

Nei giorni scorsi è stato convocato a Firenze dal Presidente Enrico Rossi, con gli assessori competenti e l’Autorità idrica, un vertice per fare il punto della situazione sull’emergenza siccità. Se sul versante idro-potabile non sembrano presenti particolari allarmi sul versante del rifornimento idrico per l’irrigazione la situazione desta forte preoccupazione.

Se non pioverà nell’arco delle prossime due settimane in modo costante e non violento la situazione si aggraverà a livelli irrecuperabili. Nel campi coltivati con il grande caldo e la crisi idrica per gli agricoltori è sempre più difficile ricorrere all’irrigazione di soccorso per salvare le produzioni.

“Gli agricoltori sono già impegnati a fare la propria parte – chiarisceil Direttore di Coldiretti Arezzo Mario Rossi – per promuovere l'uso razionale dell'acqua, lo sviluppo di sistemi di irrigazione a basso impatto e l'innovazione con colture meno idro-esigenti. Ma – continua Rossi – non deve essere dimenticato che l’acqua è essenziale per mantenere in vita sistemi agricoli senza i quali è a rischio la sopravvivenza del territorio e la competitività dell’intero settore alimentare. Di fronte alla tropicalizzazione del clima, se vogliamo continuare a mantenere l’agricoltura di qualità, dobbiamo organizzarci per raccogliere l’acqua nei periodi più piovosi con interventi strutturali che non possono essere più rimandati”.

Occorrono infatti interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque con le opere infrastrutturali, creando bacini aziendali e utilizzando le ex cave e le casse di espansione dei fiumi per raccogliere acqua.
“Intanto – conclude Rossi - è necessario continuare l'iter per il riconoscimento dello stato di calamità e garantire in tempi brevissimi alle imprese agricole un minimo di ristoro per quanto riguarda la dilazione dei contributi previdenziali ed i prestiti bancari”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità