Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:36 METEO:BIBBIENA15°28°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
venerdì 25 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Miami, il video del crollo del palazzo di dodici piani

Attualità venerdì 19 marzo 2021 ore 14:07

Taglio dei boschi, Soprintendenze in Commissione

Lucia De Robertis

Si concretizza l'annuncio del Presidente De Robertis. Convocazione dell'organo regionale inviata attraverso il segretario toscano del Mibact



CASENTINO — “Come avevo annunciato, la mia commissione audirà le Soprintendenze della Toscana sul problema dell’intervenuto obbligo dell’autorizzazione paesaggistica per il taglio dei boschi. Questa mattina, infatti, è partita la lettera di convocazione, a loro indirizzata tramite il segretariato regionale del Ministero dei Beni Culturali. Confidiamo di poter avere l’incontro già nel mese di aprile”. A dirlo è Lucia De Robertis, presidente della Commissione Territorio e Ambiente del Consiglio regionale che interviene ancora sul tema caldo degli effetti della pronuncia del Consiglio di Stato del giugno 2020, che ha destato moltissima incertezza e preoccupazione fra i Comuni, le imprese del settore della forestazione e gli stessi privati cittadini.

“Proprio ieri – spiega De Robertis - l’Assessore alle foreste Stefania Saccardi ci ha fatto pervenire la nota di attuazione della mozione che, su iniziativa del Pd, il Consiglio regionale approvò lo scorso dicembre. C’è molta preoccupazione sugli effetti di quella sentenza, sia per i costi aggiuntivi che l’aggravio del procedimento amministrativo inevitabilmente comporta, sia per il grande numero di richieste che graveranno sulle Soprintendenze toscane dove, peraltro, a detta della Giunta, non risulterebbero presenti le adeguate competenze tecniche in materia forestale.”

“È evidente, pertanto – aggiunge la presidente della quarta commissione di Palazzo del Pegaso – come davvero sia necessaria l’interlocuzione con queste strutture del Ministero, per comprendere le dimensioni esatte del fenomeno. A loro – conclude – rappresenteremo infine la necessità e l’urgenza di un atto Ministeriale di chiarimento sull’applicabilità della pronuncia del Consiglio di Stato, ad oggi unico strumento possibile per restituire certezze a chi opera la necessaria cura del nostro patrimonio boschivo”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'annuncio del sindaco Caleri. Si tratta di un investimento da quasi 2 milioni di euro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità