QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
BIBBIENA
Oggi 15°32° 
Domani 16°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
sabato 18 agosto 2018

Politica sabato 16 gennaio 2016 ore 15:03

PSI, sì alle fusioni ma con molti distinguo

Gli esponenti del Partito Socialista casentinese votano a favore della fusione tra i comuni del basso casentino ma con alcuni dubbi



CASTEL FOCOGNANO — Gli esponenti del Partito Socialista casentinese votano a favore della fusione tra i comuni del basso casentino ma con alcuni dubbi. Nella seduta del Consiglio comunale di Castel Focognano la dichiarazione di voto di Christian Gambineri e Elisa Sassoli.

"La nostra è una posizione di responsabilità politica e amministrativa, in linea con quanto sostenuto in campagna elettorale dove abbiamo dato il nostro contributo alla lista “Fare comune” che oggi esprime la maggioranza in quest’assemblea - dice Gambineri nell'aula del Consiglio - Riteniamo che i cittadini di Castel Focognano abbiano il diritto di esprimersi liberamente su eventuali fusioni che riguardano il proprio territorio attraverso referedum, al pari dei cittadini di altri comuni.

Quel che non è piaciuto ai socialisti è la confusione istituzionale venutari a creare in Casentino sulle varie proposte di fusione e una critica al Pd accusato di non aver "nessun coordinamento e mancanza di una visione unitaria"

Secondo i socialisti "il ridisegno del territorio e dei comuni debba essere una prerogativa della Regione, che deve prendersi in carico la questione e ridimensionare il numero dei comuni non solo in Casentino ma in tutta la Toscana. Una nuova mappa coerente che dia un nuovo assetto istituzionale a tutto il territorio regionale, in un’ottica generale e per essere più credibile."

Sullo specifico odg del Consiglio i socialisti criticano tempi e modi: "sbagliata, a nostro giudizio, modalità di proposta da parte dei sindaci soprattutto in riferimento alla tempistica. Se la proposta fosse stata fatta qualche mese fa sarebbe stata più credibile e avrebbe comunicato anche lungimiranza, non solo “volontà di ripicca” come invece viene, non a torto, definita. Consapevoli che la legge la farà Regione con i tempi che deciderà più opportunamente ci pareva più onesto inserire in delibera il riferimento dell’anno 2017 per la proposta di avvio dell’Istituzione del nuovo comune."



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca