Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:10 METEO:BIBBIENA17°29°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
giovedì 26 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Cos'è la sindrome da long Covid e chi rischia di più?

Attualità sabato 08 agosto 2020 ore 11:27

​Come cacciare il Covid e vincere la paura

Affrontare l'emergenza senza farsi stravolgere la vita: la Misericordia ha messo in campo un servizio gratuito di supporto psicologico



POPPI — L'emergenza Covid non è finita. Non è solo cosa il virus provoca nell'organismo di chi viene contagiato, ma anche cosa accade nella mente di una persona e di chi le sta accanto. E' uno spettro ampio di situazioni, comportamenti, effetti collaterali con cui misurarsi perchè con il virus – dicono gli esperti – dovremo convivere ancora per un certo periodo di tempo.

E' l'equilibrio della psiche la questione da monitorare e seguire da vicino perchè – si sa – quanto sia importante per il benessere di una persona e pure per mantenere alte le difese del sistema immunitario. Sentirsi bene dentro, aiuta a star bene anche fuori. Per questo c'è un servizio attivato dalla Misericordia dedicato proprio a questo settore e l'esperienza della Misericordia di Poppi è significativa. 

Durante il lockdown la Confraternita ha attivato e messo a disposizione dei cittadini un servizio di supporto psicologico telefonico e ha consegnato alle persone un questionario per rilevare lo stato psico-emotivo. Dal monitoraggio è emerso che sono stati molteplici i sentimenti a causa delle restrizioni e dalla paura del contagio: aumento della tristezza, dell’irritabilità e della rabbia, ansia e paura.

Uno stato complessivo che ha inciso anche sulla qualità del sonno, l’assunzione di cibo, il ricorso a sigarette e alcool. Anche la gestione di soggetti fragili come anziani, disabili e persone con problemi psichiatrici ha messo a dura prova lo stato emotivo di molte famiglie del territorio. La psicologia segnala che le condizioni di emergenza possono lasciare tracce nelle persone fino a tre anni dalla situazione di crisi ed è per questo che la Misericordia di Poppi, con il contributo di Lions Club Casentino, Rotary Casentino, Proloco Centro storico di Poppi e il patrocinio di Cesvot ha deciso di attivare un servizio di supporto psicologico. 

Si chiama “Ripartire dall'emergenza” ed è rivolto ai familiari di soggetti fragili (anziani, disabili, psichiatrici), ai genitori in difficoltà, alle persone spaventate dal contagio, a quanti hanno avuto e hanno ancora disagi in ambito lavorativo e familiare, a coloro che avvertono la preoccupazione di uscire di casa. Ma il servizio della Misericordia è stato pensato anche per gli operatori sanitari, gli operatori socio-sanitari e gli operatori del volontariato. 

Come funziona?

Uno psicologo professionista effettuerà fino a un massimo di 8 colloqui finalizzati alla comprensione e/o superamento della difficoltà. Chiamando al numero 353-4125665 risponderà un operatore con il quale sarà possibile concordare un appuntamento. Le persone potranno essere ricevute in presenza, oppure al telefono, in videochiamata (Skype) e al domicilio. Il servizio è gratuito e lo scopo è aiutare chi è in difficoltà, nello spirito del volontariato che anima la Confraternita di Misericordia. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Terminata l'esperienza per tre giovani che avevano aderito al bando del Comune. Francesco, Anna e Andrea pronti per il futuro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità