comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
BIBBIENA
Oggi 18°28° 
Domani 15°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
lunedì 03 agosto 2020
corriere tv
In auto sul nuovo ponte di Genova: «Lavorare in quarantena è stata dura, ma non ci siamo mai fermati»

Attualità martedì 28 luglio 2020 ore 11:18

​Scuola, è caccia alle aule anti-Covid

Dirigenti scolastici alle prese con nuovi spazi da trovare entro il 14 settembre. A Castiglioni il Comune fa da sè



CASTIGLION FIORENTINO — E' una corsa contro il tempo per fare in tempo. La data del 14 settembre è dietro l'angolo e per gran parte di Istituti scolastici, presidi, insegnanti e famiglie, sta diventando un'ossessione. “La scuola riapre il 14 settembre” è il mantra della ministra Azzolina, ma chi sta nelle aule e coordina tutto il lavoro per il nuovo anno scolastico, lamenta la mancanza o la non chiarezza di linee-guida che, appunto, guidino in maniera univoca verso una riapertura senza sorprese.

Anche in Valdichiana le preoccupazioni dei dirigenti scolastici sono al centro di riunioni e contatti frenetici per mettere a punto la macchina operativa e renderla “sicura”, cioè a prova di norme anti-Covid.

La vicenda del banco monouso – giovedì scade la gara europea lanciata dal commissario Arcuri – è solo uno dei temi che fa il paio con l'adeguamento degli spazi. Questione non da poco considerando che nella maggiorparte dei casi gli edifici scolastici hanno molti anni sulle spalle e poche “modernità” logistiche.

A Castiglion Fiorentino l'amministrazione comunale ha già disposto e fatto eseguire numerosi sopralluoghi con tecnici, per individuare altri edifici oltre a quelli che già ospitano le scuole.

La “caccia” ha riguardato strutture di proprietà comunale ma anche di altri enti e perfino di privati. Risultato: nessuno degli edifici individuati è in grado di garantire le norme di sicurezza richieste da Roma. A questo punto, la via è una: adeguare con interventi ad hoc, gli spazi all’interno degli attuali edifici scolastici. 

Come? Utilizzando locali finora adibiti a uso comune quali laboratori e mense e modificando la capienza di aule e sale con opere di edilizia leggera. Il punto è attrezzarsi nel caso in cui da Roma arrivi l'indicazione di sdoppiare le classi (cioè distribuire il numero di studenti per classe in più aule), opzione che prevede la necessità di avere a disposizione spazi ulteriori per ogni scuola. 

L'assessore all'Istruzione Stefania Franceschini fa il punto della situazione: “Nel rispetto delle competenze e prerogative di ciascuno, siamo quotidianamente in stretto contatto con la dirigente dell’Istituto Comprensivo Città di Castiglion Fiorentino cercando di seguire le linee guida indicate dal governo. Mi preme far presente che oltre alle oggettive difficoltà che questa contingenza presenta, il poco tempo e la scarsità delle risorse ad oggi stanziate dal governo, richiedono un enorme sforzo sia agli enti locali che ai dirigenti scolastici. La situazione ci impone di lavorare con impegno, ma anche con prudenza, procedendo step by step, fiduciosi che comunque ci faremo trovare pronti per il rientro dei nostri studenti in classe e l’inizio del nuovo anno scolastico”. Il count down è già scattato. 

Lucia Bigozzi
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità