Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:BIBBIENA12°26°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
martedì 28 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Alberto Angela a Pompei: «Sperimenteremo la tecnica del piano sequenza»

Attualità mercoledì 26 aprile 2023 ore 19:20

Colonscopie, meno stress con un nuovo strumento

Insufflatore di Co2 donato all'ospedale. Dispositivo che permette ai medici di lavorare meglio nella prevenzione dei tumori al colon-retto



BIBBIENA — Un insufflatore di Co2 per rendere più agevoli gli esami endoscopici con riduzione dello stress per il paziente. È la strumentazione donata stamani dal “Comitato casentinese per la lotta contro il tumore e per la vita” (C.CA.L.TUM.) alla Endoscopia digestiva dell’ospedale di Bibbiena. "Si tratta di un dispositivo che rende più agevoli gli esami endoscopici – dice il dottor Gianni Mura, direttore UOC Chirurgia Generale –. La colonscopia è importante per la prevenzione dei tumori del colon retto ed il trattamento delle forme precoci. L’insufflazione di aria nell’intestino rende più agevole l’esecuzione dell’esame. Questo insufflatore è piu potente ed è capace di diminuire il fastidio dell'esame, se confrontato con il sistema finora in nostra dotazione. Il biossido di carbonio, infatti, riduce al minimo il disagio del paziente associato a gonfiore e crampi, gli esami sono più rapidi e i tempi di recupero sono più veloci".

"L'insufflatore di C02, di cui attualmente non è dotato il nostro servizio di endoscopia digestiva – spiega la dottoressa Alessandra Bichi responsabile UOS Day Surgery Ospedale Bibbiena -consente di effettuare gastroscopia e colonscopia sostituendo l'aria ambiente con la CO2. Questo gas si riassorbe oltre 250 volte più rapidamente rispetto all'aria ambiente attualmente utilizzata, limitando per il paziente la sensazione di gonfiore ed i piccoli dolori conseguenti".
"Questo strumento è un passo avanti in termini di qualità degli esami effettuati – le fa eco il dottor Mura –. L’immissione di Co2 permette di visualizzare meglio le pareti dell’intestino e questo dispositivo permette di farlo senza aumentare lo stress per il paziente. Il fastidio che prova, spesso, ci costringe ad interrompere l’esame: con questo dispositivo la situazione migliora. Questo tipo di insufflatore, inoltre, permette di riscaldare l’aria diminuendo la sensazione di fastidio e quindi di tensione. Infine, cosa non meno importante, grazie a queste caratteristiche si potrà ridurre il dosaggio dei farmaci impiegati per la sedazione".

Insomma uno strumento che consentirà al medico endoscopista di lavorare al meglio. Un esame che non è solo diagnostico ma che in alcuni casi può avere risvolti terapeutici.

"Durante la colonscopia – prosegue il dottor Mura - si possono eseguire anche biopsie e, in caso di presenza di un polipo, asportarlo completamente. In conclusione, questo strumento è il benvenuto nel nostro ospedale: potenzia e migliora la strumentazione a nostra disposizione utile alla prevenzione e trattamento dei tumori intestinali. Non posso che ringraziare il Comitato casentinese che ha effettuato la donazione: sarà un'ulteriore stimolo a continuare la nostra quotidiana attività nel campo della lotta contro i tumori".
L'endoscopia dell'ospedale del Casentino effettua fra i 1500-1600 esami all'anno."Avere a disposizione questa apparecchiatura – conclude la dottoressa Bichi - migliora la qualità dell'esame diagnostico e terapeutico. Un grande ringraziamento va al Comitato Casentinese per la donazione di questa apparecchiatura che sarà utilizzata per migliorare la qualità degli esami endoscopici, in termini di diagnostica preventiva, diagnosi di patologia e trattamento terapeutico dove consentito".

"Questo è un reparto che a noi sta molto a cuore – dichiara il presidente di C.CA.L.TUM. Fabio Boldrini – perché si occupa di una problematica, quella della prevenzione del tumore al colon retto, che in Casentino è molto sentita. La strumentazione consegnata oggi si aggiunge alle numerose donazioni che l’associazione ha fatto negli anni passati al reparto. Fondamentale il rapporto che abbiamo con i medici: sono stati loro a segnalare la necessità di avere un insufflatore di questo tipo e noi ci siamo subito attivati per arrivare alla donazione di oggi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno