Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:54 METEO:BIBBIENA16°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
sabato 27 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Valanga all'Alpe Devero: neve, terra e massi devastano il laghetto delle Streghe

Attualità mercoledì 20 gennaio 2021 ore 13:06

"Autonomia per il distretto sanitario casentinese"

I Comuni di Chiusi della Verna e Ortignano Raggiolo fanno propria la delibera del Consiglio Regionale ribadendo la stessa richiesta a Giani



CHIUSI DELLA VERNA — L'autonomia sanitaria del distretto casentinese e di quello della Valtberina è stata chiesta pochi giorni fa, nel corso di una conferenza stampa che ha avuto luogo nella Sala dei Grandi della Provincia di Arezzo. La richiesta è stata ora presentata al presidente della Regione Toscana Eugenio Giani anche dai comuni di Ortignano Raggiolo e di Chiusi della Verna, che hanno deciso di fare propria la delibera del Consiglio Regionale in materia.

Un percorso di riflessione e approfondimento che porti a ridefinire i confini delle zone-distretto ricostituendo quelle originarie negli ambiti territoriali del Casentino e della Valtiberina, e conferendo così ai territori piena autonomia funzionale, tempestività e vicinanza ai bisogni dei cittadini. Il comune di Chiusi della Verna ha già approvato la richiesta di scissione dei distretti in consiglio comunale mentre quello di Ortignano Raggiolo approverà il documento nel corso della prossima seduta consiliare.

“Ci muoviamo nella stessa linea del Consiglio regionale che ha già approvato all’unanimità la mozione presentata dal capogruppo Vincenzo Ceccarelli e dalla consigliera Lucia De Robertis e sollecitiamo un intervento del presidente Giani affinchè vengano rivisti i confini delle zone-distretto - hanno spiegato il sindaco di Chiusi della Verna Giampolo Tellini e quello di Ortignano Raggiolo Emanuele Ceccherini – abbiamo ormai capito tutti, anche in seguito all’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, quanto siano importante i servizi territoriali, che grazie ad una conoscenza approfondita dei luoghi in cui operano, sono in grado di dare una risposta concreta e pronta alle esigenze dei cittadini”.

Con l’approvazione della mozione, il Consiglio regionale ha avviato un nuovo percorso che vedrà la partecipazione degli enti locali e di tutti i soggetti coinvolti nelle politiche sanitarie e sociali territoriali, come ha spiegato Ceccarelli. Così a cinque anni dall’approvazione della legge e a tre dalla riforma che ha disegnato le attuali zone-distretto c’è la richiesta unanime dei due territori e del Consiglio Regionale di rivedere il progetto sanitario con l’obiettivo di rafforzare la sanità territoriale.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità