Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:BIBBIENA12°27°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
venerdì 20 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Zaccagni affitta l'Olimpico e con un rigore svela il sesso del figlio

Cultura giovedì 12 agosto 2021 ore 11:53

La vallata si scopre tra aneddoti e curiosità

Sabato 14 agosto alle 18 presentazione del libro "Curiosando in Casentino" di Luigi de Concilio – edizioni Sarnus



MONTEMIGNAIO — Quanti sanno che detti ed espressioni popolari come “a UFO”, “sensa lilleri ‘un si lallera”, ma con la lallera si fanno molti lilleri, o “moglie e buoi de’ paesi tuoi” sono nati in Casentino, in quell’area piuttosto vasta del territorio toscano, abitata fino dalla preistoria, ed in seguito dagli etruschi, dai romani, longobardi, i Conti Guidi, gli Ubertini, i Tarlati e via di seguito? Sicuramente in pochi.

E la stessa risposta la si potrebbe dare per tante delle curiosità, delle storie e degli aneddoti riportati nel libro Curiosando in Casentino di Luigi de Concilio – edizioni Sarnus. La presentazione è in programma sabato 14 agosto alle 18 a Montemignaio.

Il racconto mette poi in luce i singoli luoghi, nel costume e nelle tradizioni popolari, ma anche nelle leggende, nei misteri e nei segreti di castelli, pievi e torri. Scoprirete a Stia un curioso spettacolo chiamato “la caccia del toro”, che ricordava la “Corrida de’ Toros”, un Dante Alighieri simpaticamente donnaiolo, i “tabernacoli del vino” a Pratovecchio, la “porta del morto” a Bibbiena, il “tridente” di San Pietro a Romena, le origini massoni degli scalpellini a Stada in Casentino, ma anche le antiche ruggini tra Pratovecchio e Stia, Poppi e Bibbiena, e quando Fronzola “fronzolava” Poppi e Bibbiena tremava. Gran bella razza i casentinesi quando gli abitanti di Strada venivano chiamati “ghiozzi”, quelli di Cetica “ceticatti”, i chitignanesi erano “contrabbandieri”, i bibbienesi “capibugi”, quelli di Partina “lumacai”, per non parlare dei montemignaini che anche tra di loro si dividevano in “castellani”, “bacìani” e “tirolesi”.

La piacevole camminata casentinese procede su sentieri ben segnati, tra Santi ed Eremiti, ma anche accompagnati da poeti, artisti e letterati. Andremo a scoprire dove nacque Michelangelo Buonarrori: a Chiusi o a Caprese? E Guido Monaco era di Arezzo o di Talla?

E quella Francesca da Rimini era proprio di Rimini? Un libro tutto da leggere… e scoprirete cose che nemmeno molti casentinesi conoscono.

Saranno presenti, oltre all’autore che, quale rotariano, devolve i diritti di questo libro alla Rotary Foundation a favore del progetto End Polio Now, Roberto Pertichini, Sindaco di Montemignaio e Domenico Mugnaini, direttore di Toscana Oggi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La signora, di 68 anni, ha riportato diversi traumi ed è stata portata dai sanitari all'ospedale del Casentino in codice giallo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità