Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:36 METEO:BIBBIENA15°28°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
venerdì 25 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Miami, il video del crollo del palazzo di dodici piani

Attualità mercoledì 09 settembre 2020 ore 08:57

I sassi del fiume tra meditazione e benessere

Iniziativa del Consorzio di Bonifica lungo le sponde. L'attività si chiama stone balancing



PRATOVECCHIO STIA — Nicola Doni è un docente universitario e artista per passione. Da quando ha scoperto il tratto dell’Arno che scorre in Casentino, lo ha scelto per le sue singolari performance.

Qui dove l’acqua è cristallina, le sponde sono ben curate e non mancano massi e pietre di tutte le forme e le dimensioni, costruire opere mettendo in equilibrio i sassi con il solo aiuto della fantasia e della forza gravitazionale è ormai diventata per l’artista giramondo una piacevole consuetudine. Tra l’altro apprezzatissima dagli abitanti della vallata e dai turisti che si fermano incantati ad osservarlo e poi decidono di mettersi alla prova.

Per qualcuno è una forma d’arte seppure effimera, in realtà, è una tecnica di meditazione che affonda le sue radici nella millenaria cultura Zen. Si chiama stone balancing ed è un ottimo strumento per ritrovare se stessi. L'obiettivo è di far sperimentare ai partecipanti questa tecnica in modo da esercitare pazienza, concentrazione, sensibilità ed equilibrio per raggiungere un benessere fisico e mentale”, spiega Nicola che gravita intorno alla Fraternità di Romena, dove da anni don Luigi Verdi lavora su questi temi.

Far conoscere questa attività e le mille altre che si possono svolgere lungo i corsi d’acqua – commenta la presidente del Consorzio 2 Alto Valdarno Serena Stefani, che ha organizzato l’evento - è il modo migliore per riavvicinare l’uomo al fiume. Allo stesso tempo, il laboratorio è un’occasione per valorizzare con opere effimere un angolo di Pratovecchio da poco recuperato dalla collaborazione tra il Consorzio, il Comune e le associazioni di volontariato Civitas, Pescatori Casentinesi e PratoVeteri. E’ inoltre l’occasione per far conoscere e lanciare il contratto di fiume che sta nascendo su questo tratto dell’Arno”.

In molti hanno partecipato al laboratorio, a caccia di un equilibrio con le pietre che parte dall’equilibrio con se stessi.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'annuncio del sindaco Caleri. Si tratta di un investimento da quasi 2 milioni di euro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità