Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:35 METEO:BIBBIENA18°35°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
sabato 02 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Turci-Pascale, l'arrivo delle spose al municipio di Montalcino

Attualità giovedì 04 marzo 2021 ore 12:21

Autonomia distretti sanitari, i sindaci insistono

Vagnoli e Cornioli in Consiglio Regionale hanno ribadito la richiesta. Il primo cittadino di Bibbiena allarmato anche per la carenza di medici



BIBBIENA - SANSEPOLCRO — Incontro tra il sindaco di Bibbiena, Filippo Vagnoli e il sindaco di Sansepolcro, Mauro Cornioli in rappresentanza delle due articolazioni zonali della sanità, il Presidente del Consiglio regionale della Toscana Antonio Mazzeo. 
“Siamo andati in Consiglio regionale per illustrare al Presidente la richiesta avanzata da tutti i Consigli comunali di Casentino e Valtiberina in merito all'autonomia dei due distretti socio sanitari che allo stato attuale sono un unico distretto insieme ad Arezzo. Abbiamo spiegato nel dettaglio a Mazzeo la necessità di questa autonomia soprattutto alla luce dell’emergenza sanitaria in atto. In questa condizione di lontananza del centro decisionale e nevralgico, non riusciamo a programmare in modo adeguato e quindi non riusciamo a dare risposte mirate a bisogno profondamente diversi di questi due ambiti territoriali. La Asl deve tornare ad essere vicina ai bisogni dei territori”.

Il Presidente dell’articolazione sanitaria casentinese, però, ha parlato a Mazzeo anche di un problema interno alla sanità casentinese e che riguarda indistintamente sia la sanità territoriale che quella ospedaliera, ovvero la mancanza di medici.

“La carenza di medici sta diventando un problema preoccupante. Salute mentale, Terapia Intensiva, Pronto Soccorso, Chirurgia, Medicina interna sono tutti ambiti che soffrono ormai da troppo tempo di una mancanza di personale. Da oltre un anno come sindaci casentinesi stiamo chiedendo alla Asl di mettere mano a questa situazione che adesso sta dando problemi enormi. Su questo fronte si è mossa anche la società civile come il Comitato Salviamo l’Ospedale con il quale abbiamo avuto più di un confronto. Adesso non abbiamo più tempo, vista anche la situazione generale. Il Casentino esige delle risposte sicure e in tempi brevi e certi” commenta Vagnoli.

Che poi conclude con una considerazione "sono particolarmente contento del fatto che, dopo dieci anni di silenzio assoluto, anche Vincenzo Ceccarelli si sia espresso in merito alle problematiche sanitarie casentinesi. Apprezzo questo suo interessamento perché vorrei in tempi brevi venire a capo della questione e soprattutto dare risposte certe e immediate ai nostri presidi sia territoriali che a quello ospedaliero. Come si dice in questi casi con un po’ di ironia, meglio tardi che mai”. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Stabile il numero dei pazienti all'ospedale San Donato, in totale sono 13. Invece ci sono altri 159 guariti. Nessun decesso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità