Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:BIBBIENA11°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
giovedì 02 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Cospito, in Senato scoppia la bagarre per le parole di Balboni (FdI). Il Pd lascia l'aula per protesta

Attualità venerdì 02 dicembre 2022 ore 17:50

Casa comunale, restauro finito e taglio del nastro

Domenica inaugurazione di Palazzo Niccolini dopo il maxi intervento di messa in sicurezza sismica. Soddisfazione di Vagnoli



BIBBIENA — Domenica 4 dicembre alle 15, con ritrovo presso Piazza Grande, verrà inaugurato Palazzo Niccolini, la casa comunale, dopo la conclusione del corposo intervento di messa in sicurezza dal punto di vista sismico. Insieme ai lavori verranno inaugurate due mostre permanenti che si trovano all’interno dello storico palazzo ovvero la sala delle bandiere e la sala del Carnevale Storico.

Il sindaco Filippo Vagnoli commenta così questa giornata di festa che vedrà la presenza anche del Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani: “E’ il momento giusto per celebrare la nostra cittadina in tutta la sua capacità di ripresa, nella bellezza delle sue tradizioni e nei suoi valori. Era doveroso raccogliersi tutti in piazza per festeggiare la riapertura di palazzo Niccolini, un luogo simbolo di Bibbiena e non solo perché sede del comune. E’ il centro della cittadina ed è un luogo di pregio che abbiamo potuto restituire al futuro in completa sicurezza dopo un investimento di oltre 2 milioni di euro e circa quattro anni di lavori. All’interno del palazzo abbiamo deciso di portare due mostre permanenti che intendono celebrare le nostre tradizioni più belle ovvero l’arte della bandiera e il carnevale più antico d’Italia, quello della Mea. Domenica sarà davvero la festa di tutti noi”.

Palazzo Niccolini è stato reso più sicuro dal punto di vista sismico e più efficiente dal punto di vista energetico grazie ad un investimento di più di 2 milioni di euro tra fondi del Ministero dell’Interno e risorse proprie. Si è trattato di un’importante operazione di miglioramento sismico con dei lavori estremamente delicati e complessi iniziati nel marzo 2018.
Quello di Palazzo Niccolini ha rappresentato di fatto il cantiere più grande e complesso della storia recente di Bibbiena. L’operazione di miglioramento sismico per la quale è stata fatta su un immobile di pregio del 1600 con tutte le problematiche che questo comporta. L’impegno è stato notevole poiché, accanto ai lavori prestabiliti, sono stati fatti tantissimi altri interventi necessari come l’ammodernamento delle reti (dati, elettrica, di calore), la realizzazione di un nuovo archivio.

All’interno del Palazzo, in accordo con le associazioni cittadine, sono state realizzate due esposizioni permanenti di grande valore che intendono raccontare la storia di due grandi tradizioni per le quali Bibbiena è conosciuta ben oltre i confini della provincia, ovvero l’arte della bandiera e la Mea, il carnevale più antico d’Italia.

Nel salone consiliare sono esposte in modo scenografico e di grande impatto visivo, moltissime bandiere donate a Bibbiena da tante associazioni di sbandieratori italiane ma anche straniere a rafforzare il ruolo che la nostra città sta avendo a livello internazionale per questo particolare aspetto.
Nella stanza di accesso al nuovo Salone della Bandiera, invece, saranno esposti vestiti e immagini molto suggestive che raccontano la tradizione della Mea.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' scomparso prematuramente Aulio Agnelli. Il dolore del sindaco e della comunità "esempio virtuoso di volontario soprattutto nella pandemia"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità