Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:BIBBIENA15°31°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
domenica 14 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Piero Angela raccontò l'incontro con la moglie Margherita Pastore: «Una scossa elettrica dal primo sguardo, insieme da 66 anni»

Attualità giovedì 03 dicembre 2020 ore 16:57

Le squadre di cinghialai fermate dall'arancione

Lettera del Presidente dell'Unione, Ricci, al Governatore Giani. La difficoltà data dal divieto di spostarsi tra Comuni



CASENTINO — Appello del presidente dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino, Lorenzo Remo Ricci, al presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, a nome di tutti i sindaci dell’Ente e dei sindaci di Bibbiena e Pratovecchio Stia affinché "venga trovata una soluzione che permetta la caccia al cinghiale in braccata, senza limiti di circolazione tra comuni". 

L'esercizio venatorio, infatti, nelle aree arancioni di cui la Toscana entrerà a far parte da domenica, secondo i dettami del vigente Dpcm, potrà svolgersi nel solo territorio di residenza/domicilio del cacciatore con problemi di grossa entità per lo svolgimento della caccia al cinghiale in braccata che, organizzata in squadre, diventerà quindi impossibile, considerato che ci sono squadre composte da iscritti che risiedono/domiciliano in un comune o nell'altro e che hanno il terreno di caccia loro assegnato in un altro comune ancora.

“Per loro chiediamo di concedere l'esercizio della caccia al cinghiale in braccata nel territorio di fatto assegnato alla squadra, anche in virtù dei dettami del citato Decreto che stabilisce che: se una attività non sospesa non è esercitabile nel proprio comune, la stessa potrà esercitarsi anche fuori da questo” si legge nella lettera indirizzata a Giani. 

Ricci ha voluto anche ricordare che il cinghiale crea ingenti danni alle produzioni agricole in corso ed è fonte di pericolo per l'incolumità pubblica per gli incidenti stradali che può causare.

“Se il cacciatore iscritto alla squadra non potrà disporre dell'intero territorio assegnato alla squadra cui appartiene, le squadre di fatto non potranno cacciare e le problematiche si intensificheranno” ha concluso, nella speranza che venga presto trovata una soluzione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
All'ospedale San Donato i pazienti affetti da virus sono complessivamente 5. Viaggia diffuso il contagio. Ad arezzo i tamponi infetti oggi sono 31
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità