Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:25 METEO:BIBBIENA11°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
sabato 10 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Rubavano nella mensa dell'ospedale: il bottino da 24mila euro in appena due mesi

Attualità mercoledì 03 marzo 2021 ore 10:08

Grosso pioppo minacciava il corso del fiume

Rapido intervento delle squadre del servizio forestazione dell'Unione dei Comuni. Pericolo rilevato dai tecnici del Consorzio



CASENTINO — Gli scarti di vegetazione nascosti avevano completamente minato la salute e la stabilità di un gigantesco pioppo, tanto da trasformarlo in una pericolosa presenza per la sicurezza idraulica dell’area: un colpo di vento o una pioggia intensa avrebbero potuto farne un ostacolo improvviso, capace di rallentare o impedire il regolare deflusso dell’acqua. Se ne sono accorti i tecnici del Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno, che, nella costante attività di vigilanza del territorio, hanno ritenuto opportuno eliminare l'alberatura.

Il lavoro è stato realizzato dalle squadre specializzate nel servizio forestazione dell’Unione dei comuni montani del Casentino: una equipe esperta che ha portato a termine l’operazione limitando al massimo l’impatto sull’ambiente circostante. Le verifiche post abbattimento hanno dimostrato la correttezza dell'intervento: sotto la corteccia, infatti, il tronco appariva gravemente compromesso da diffuse e importanti marcescenze.

L'operazione è parte integrante del lotto di interventi programmati dal Consorzio sul tratto dell’Arno compreso tra i comuni di Bibbiena e Castel Focognano, per 1.400 metri a partire dall’immissione del Torrente Corsalone, e nel comune di Pratovecchio-Stia da Batattole a Case Triboli; sul Torrente Corsalone, nel comune Chiusi della Verna, nel tratto che, dalla confluenza nell’Arno, si dirige verso monte per una lunghezza di circa 2730 m; e, sempre nel comune di Chiusi, sul fosso Lappola, per circa 800 m dalla località Mulinaccio.

Serena Stefani, Presidente del Consorzio di Bonifica Alto Valdarno, commenta: “il Consorzio è impegnato ad eliminare qualsiasi elemento di rischio idraulico e idrogeologico, con grande attenzione all’ambiente circostante. Nella giornata mondiale della natura, dedicata quest’anno alle foreste, vogliamo ribadire l’importanza di una manutenzione ordinaria del reticolo rispettosa del ricco e diversificato habitat presente lungo e dentro i corsi d’acqua. La rimozione delle alberature deve essere motivata unicamente da effettive situazioni di pericolo e dalla necessità di controllare e rendere più funzionali le opere”

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A livello provinciale i positivi in più sono 104 totali. Altri 4 decessi all'ospedale di Arezzo, ricoveri stabili e 69 guariti
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità