Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:BIBBIENA10°11°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
martedì 06 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Putin al volante di una Mercedes sul ponte di Crimea

Attualità mercoledì 28 settembre 2022 ore 20:10

Cantiere sull'Arno non più ostaggio dell'ordigno

Il ritrovamento di reperti bellici ha posticipato i lavori di messa in sicurezza di un anno, ma adesso posso partire



CAPOLONA — L’Arno in prossimità del ponte tra Buonriposo e Castelluccio nel comune di Capolona sarà più sicuro. Al confine tra i comuni di Arezzo e Capolona, macchine e operai del Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno possono finalmente mettersi al lavoro per realizzare l’intervento di manutenzione straordinaria, finanziato con fondi regionali.

Le risorse saranno impiegate per sanare l’evidente e complessa evoluzione morfologica dell’Arno, che, in questo tratto, presenta fenomeni di erosione tanto importanti da causare anche lo scalzamento della pila interna del ponte in destra idraulica.

La situazione, delicata e complessa, ha spinto a loro volta i comuni di Arezzo e Capolona ad “allearsi” per fronteggiare insieme il degrado dell’opera e migliorare la sicurezza dell’area. Approfittando del restyling pianificato sull’asta fluviale, infatti, hanno programmato i lavori necessari per proteggere la pila interna in destra idraulica e la pila centrale del ponte, di rispettiva competenza, in modo da ridurre al minimo tempi e spese.

Adesso, finalmente tutto è pronto. Il Consorzio in questi giorni ha iniziato l’intervento per la realizzazione di una scogliera di protezione spondale, con l’inserimento di una difesa trasversale alla corrente (pennello) per mitigare l’azione erosiva, e con la risagomatura della barra di sedimenti che si è venuta a formare con l’andare del tempo.

L’operazione, importante per la comunità e le amministrazioni locali è stata tenuta a lungo in ostaggio dal ritrovamento di un ordigno bellico inesploso.

Tutto è cominciato circa un anno fa, quando, progetto alla mano, il direttore ai lavori, impegnato nel sopralluogo di ricognizione prima della consegna dell’area, ha individuato e segnalato alla Prefettura una “presenza” sospetta. E’ subito scattato l’immediato stop al cantiere e il rapido via agli accertamenti di routine.

Le Autorità hanno confermato i timori: l’oggetto individuato era proprio una bomba di mortaio 89 mm HE, risalente con ogni probabilità alla seconda guerra mondiale. Il congegno è stato recuperato e fatto brillare ma l’area è rimasta off limits per ragioni di sicurezza e per ulteriori verifiche.

Purtroppo anche la successiva indagine geofisica strumentale, affidata dal Consorzio a una ditta specializzata, ha avuto esito positivo, evidenziando la presenza diffusa di anomalie ferromagnetiche che hanno richiesto l’esecuzione della bonifica bellica.

Completate le operazioni, che, tra l’altro, hanno rivelato la presenza di un ulteriore ordigno nascosto nello strato di sedimenti depositati dalla corrente, ed esclusa la presenza di ulteriori pericoli, l’iter autorizzativo si è concluso facendo scattare il semaforo verde ai lavori.

Consorzio e Comune Capolona hanno voluto sottolineare l’importanza del traguardo raggiunto, dandosi appuntamento sulle sponde dell’Arno.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ha 40 anni e fa la libera professionista. E' madre di Dario Emanuele ed ha vinto la selezione per accedere al concorso nazionale edizione 2023
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità