Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:25 METEO:BIBBIENA11°  QuiNews.net
Qui News casentino, Cronaca, Sport, Notizie Locali casentino
sabato 10 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Rubavano nella mensa dell'ospedale: il bottino da 24mila euro in appena due mesi

Attualità martedì 16 febbraio 2021 ore 09:37

Il risveglio dei sensi nelle Foreste casentinesi

Nel Parco il primo studio scientifico esperenziale italiano. Un ritiro nell'area protetta per raggiungere l'obiettivo della salute globale



CASENTINO — “La Grande Via”, associazione fondata dall’epidemiologo Franco Berrino e dalla giornalista Enrica Bortolazzi, e il parco nazionale Foreste casentinesi, Monte Falterona e Campigna, durante il live Il potere delle Forestedi giovedì 18 febbraio, alle 18, presenteranno La Via delle Foreste”. Il primo studio scientifico esperienziale italiano di terapia forestale e prenderà avvio il 21 marzo 2021 nell'area protetta.


Le Foreste casentinesi sono state oggetto di pellegrinaggi, suggestionando nei secoli santi, scrittori e artisti che le hanno elette a loro luogo di meditazione. Ad oggi sono Patrimonio dell’Umanità UNESCO e sito di eremitaggio e spiritualità.


Il ritiro di uno o più giorni, previsto ne "La via delle foreste", consentirà ai partecipanti di sperimentare il risveglio dei sensi attraverso il contatto con la natura, l’alimentazione, il movimento e la meditazione: gli ingredienti per raggiungere l’obiettivo di salute globale.
Con la supervisione e il monitoraggio di medici, guide forestali ed esperti professionisti della nutrizione, del movimento consapevole e della ricerca interiore, i gruppi saranno guidati nella via terapeutica delle foreste tramite un programma di attività sensoriali. L’esperienza si svilupperà a partire dal primo giorno di primavera sino a settembre.

"Foreste come quelle del Parco nazionale sono ormai universalmente riconosciute dal mondo scientifico come sistemi adattativi a complessità progressiva. Perché una foresta possa compiutamente svolgere tutte le sue interconnesse funzioni è necessario che siano assicurati spazi ed intervalli di tempo estesi, che tengano anche conto della difficoltà per l'uomo di concepire e rispettare cicli di vita enormemente più lunghi dei suoi. Il Parco nazionale, con le sue foreste di valore inestimabile, rappresenta il laboratorio ideale per la ricerca scientifica che andiamo a sviluppare con l'associazione 'La Grande Via", commenta Alessandro Bottacci, direttore del Parco nazionale.


"La sanità pubblica grava in percentuali che variano tra l'80 e il 90% sui bilanci regionali e la frequentazione di questi luoghi garantirebbe ricadute su quella voce di spesa e un ulteriore importante incremento di molte forme di accoglienza turistica. Come se non bastasse le nostre straordinarie foreste contribuiscono alla tutela della biodiversità, svolgono un ruolo fondamentale nel ciclo delle acque, garantiscono la difesa da frane e erosioni, e si prendono carico dell'assorbimento di tonnellate di carbonio. Basti pensare che recenti stime fissano l'assorbimento annuale da parte di un faggio vetusto come l'equivalente, nello stesso arco temporale, di sette automobili", aggiunge Luca Santini, presidente del Parco nazionale.

“Da oltre cent’anni il Corpo forestale prima, oggi il Reparto Carabinieri biodiversità si prende cura delle foreste dello Stato, cuore del Parco nazionale che batte all’unisono con quello dei Carabinieri forestali. Il respiro della foresta ha accompagnato i passi di generazioni di forestali e oggi continua ad accoglierci nel suo magico abbraccio.” conclude Paola Ciampelli, comandante del Reparto Carabinieri biodiversità delle riserve di Pratovecchio.

E’ con questo spirito, che unisce chi ogni giorno chi accudisce il Parco e chi riconosce in queste Foreste uno spazio sacro, che l’Associazione collaborerà con il territorio nella realizzazione della Via delle Foreste, che prenderà il via il prossimo 21 marzo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A livello provinciale i positivi in più sono 104 totali. Altri 4 decessi all'ospedale di Arezzo, ricoveri stabili e 69 guariti
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità